A A A

Durata circa 4 ore e 30 m. Si parte da Asqua e si percorre la sterrata direzione Camaldoli per circa 400 m, poi sulla sinistra c'è l'indicazione del sentiero 72 che prosegue in salita fino alla Rota. Qui si incrocia il sentiero 94 e si prosegue su quest'ultimo in direzione Croce Gaggi (nord). Questo tratto è completamente immerso nel bosco e presenta un dislivello inesistente. Arrivati a Croce Gaggi ci si immette sulla strada asfaltata tenendo la sinistra e si continua per circa 1 km; fare attenzione alla segnaletica sulla sinistra per riprendere il sentiero che arriverà a Poggio Cavallino. A differenza del resto del percorso, questo punto non è ben evidenziato e l'attacco del sentiero 76 è su una curva a gomito, l'unico sentiero che prosegue in discesa. Qui l'ambiente cambia, il bosco si apre, la vegetazione si diversifica, appaiono più arbusti come il ginepro, la rosa canina, il prugnolo, ed il terreno più aspro. Si continua sempre in discesa fino ad incontrare le carraie per il trasporto del legname, così fino a Valagnesi, dove merita fermarsi per ammirare questo piccolo borgo. Proseguendo sulla strada asfaltata si incontra un piccolo insediamento di poche case (Case di Gonzano), spesso attorniato da pecore al pascolo, poi la strada ritorna ad essere sterrata fino a salire fino ad Asqua.